ma ‘sti due che cazzo ci fanno insieme?

ma ‘sti due che cazzo ci fanno insieme?

Del Piero: Il doping è un problema mondiale

A Delpiè: facce ride

Benvenuti alla sagra dell’ipocrisia. tutti sapevano. la Gazzetta che organizza gare di ciclismo no. loro come gli organizzatori del Tour dormivano.

Benvenuti alla sagra dell’ipocrisia. tutti sapevano. la Gazzetta che organizza gare di ciclismo no. loro come gli organizzatori del Tour dormivano.

Ringraziamo Schwazer per aver placato l’astinenza da mostro della stampa italiana e dei social network. ora sapranno dove vomitare il loro odio. almeno per le prossime settimane.

Ringraziamo Schwazer per aver placato l’astinenza da mostro della stampa italiana e dei social network. ora sapranno dove vomitare il loro odio. almeno per le prossime settimane.

L’Associazione Sportiva Roma piange la scomparsa di Carlo Petrini, calciatore di valore e uomo di spessore, capace di commettere gravi errori e poi di farseli perdonare semplicemente riconoscendone la natura. Come in quel piovoso pomeriggio di dicembre del 1975 quando alzò le mani di fronte alla Curva Sud per chiedere perdono per i suoi sbagli sottoporta e poi le alzò di nuovo, per condividere con i suoi tifosi la gioia del gol della vittoria contro la Sampdoria. Straordinaria è stata la sua attività di cronista e scrittore, nella quale ha saputo riconoscere e denunciare ad uno ad uno tutti gli schizzi di fango del dio pallone, per primi quelli da lui stesso cagionati. L’AS Roma si stringe ad Adriana e a tutti i suoi familiari in questo momento di estremo dolore.

L’Associazione Sportiva Roma piange la scomparsa di Carlo Petrini, calciatore di valore e uomo di spessore, capace di commettere gravi errori e poi di farseli perdonare semplicemente riconoscendone la natura. Come in quel piovoso pomeriggio di dicembre del 1975 quando alzò le mani di fronte alla Curva Sud per chiedere perdono per i suoi sbagli sottoporta e poi le alzò di nuovo, per condividere con i suoi tifosi la gioia del gol della vittoria contro la Sampdoria. Straordinaria è stata la sua attività di cronista e scrittore, nella quale ha saputo riconoscere e denunciare ad uno ad uno tutti gli schizzi di fango del dio pallone, per primi quelli da lui stesso cagionati. L’AS Roma si stringe ad Adriana e a tutti i suoi familiari in questo momento di estremo dolore.